Il tuo Carrello è vuoto.

Skip to Main Content »

VENEZIA-PARIGI 1795-1797

VENEZIA-PARIGI 1795-1797

I Dispacci di Alvise Querini ultimo ambasciatore in Francia della Repubblica veneta

Biblioteca Nazionale Marciana

Recensisci per primo questo prodotto

Disponibilità: Disponibile

€ 25,00
Condividi:

Questo volume vale 25 Punti Gaspari.

Due volumi indivisibili A cura di Giandomenico Ferri Cataldi e Achille Gradella Introduzione di Giovanni Scarabello Con un saggio di Antonio Fancello e Barbara Poli Alvise Querini (1758-1834) apparteneva ad un'antica illustre famiglia, che sin dai primi secoli ebbe una parte di rilievo nella storia veneziana. A lui toccò in sorte di essere eletto, nel 1795, rappresentante della Repubblica Veneta a Parigi. Compito non facile: la Francia, da poco emersa dalla tragedia del Terrore, lanciava le sue armate alla conquista dell'Europa, rivoluzionandone gli equilibri. Sulle prime a Querini riuscì di stabilire buoni rapporti col Direttorio, facendo leva sul carattere repubblicano dei due Stati e sugli antichi vincoli di amicizia. Ma nel 1796 incomincia la campagna d'Italia: vinti i Piemontesi e gli Austriaci, Napoleone Bonaparte dilaga nel territorio veneto. Senza tenere in considerazione i rapporti ancora formalmente amichevoli tra le due Repubbliche, l'Armata d'Italia impone con la forza colossali esazioni alla popolazione, in denaro, derrate, armamenti, alloggi. Querini protesta col Direttorio, tratta, discute, ottenendo solo buone parole. A poco a poco il piano francese gli si fa chiaro: la Francia non abbandonerà mai il Belgio e compenserà l'Austria con le terre veneziane. Egli si rifiuta di credervi, ma in cuor suo sa che il destino dell'"amatissima patria" è segnato. Attraverso i suoi dispacci - per la prima volta pubblicati - seguiamo di giorno in giorno la progressiva distruzione dello Stato veneziano, dalle rivoluzioni organizzate dai Francesi nelle maggiori città di Terraferma sino all'attacco finale contro la stessa Venezia. Querini si batte sino all'ultimo con tutti i mezzi a sua disposizione, sino a quando, nel maggio del 1797, riceve dal governo francese il perentorio invito a lasciare Parigi. I suoi dispacci forniscono un quadro vivace, illuminante, talvolta commovente di quelle drammatiche vicende, che condussero alla fine dell'antica e civilissima Repubblica di Venezia.

Altre viste

  • VENEZIA-PARIGI 1795-1797
  • VENEZIA-PARIGI 1795-1797

Dettagli

Due volumi cellofanati indivisibili pp.750, 24x17illustrati, con immagini a col. e bn, rilegati a filo refe.

Ulteriori informazioni

Autore Biblioteca Nazionale Marciana
Titolo VENEZIA-PARIGI 1795-1797
Sottotitolo I Dispacci di Alvise Querini ultimo ambasciatore in Francia della Repubblica veneta
Altre info No
Editore No
Disponibile anche in eBook su tutti i lettori: N/A
ISBN 88-7541-008-9
Anno di edizione No
Data inserimento 14/set/2006
Prezzo € 25,00
Prezzo prenotazione N/A
Video No
Variante colore copertina N/A