Il tuo Carrello è vuoto.

Skip to Main Content »

Iscriviti ai Feed RSS

Storia moderna e periodo napoleonico

2 Articolo(i)

per pagina

Lista  Griglia 

Imposta ordine ascendente
  1. VENEZIA-PARIGI 1795-1797

    VENEZIA-PARIGI 1795-1797

    € 25,00

    Due volumi indivisibili A cura di Giandomenico Ferri Cataldi e Achille Gradella Introduzione di Giovanni Scarabello Con un saggio di Antonio Fancello e Barbara Poli Alvise Querini (1758-1834) apparteneva ad un'antica illustre famiglia, che sin dai primi secoli ebbe una parte di rilievo nella storia veneziana. A lui toccò in sorte di essere eletto, nel 1795, rappresentante della Repubblica Veneta a Parigi. Compito non facile: la Francia, da poco emersa dalla tragedia del Terrore, lanciava le sue armate alla conquista dell'Europa, rivoluzionandone gli equilibri. Sulle prime a Querini riuscì di stabilire buoni rapporti col Direttorio, facendo leva sul carattere repubblicano dei due Stati e sugli antichi vincoli di amicizia. Ma nel 1796 incomincia la campagna d'Italia: vinti i Piemontesi e gli Austriaci, Napoleone Bonaparte dilaga nel territorio veneto. Senza tenere in considerazione i rapporti ancora formalmente amichevoli tra le due Repubbliche, l'Armata d'Italia impone con la forza colossali esazioni alla popolazione, in denaro, derrate, armamenti, alloggi. Querini protesta col Direttorio, tratta, discute, ottenendo solo buone parole. A poco a poco il piano francese gli si fa chiaro: la Francia non abbandonerà mai il Belgio e compenserà l'Austria con le terre veneziane. Egli si rifiuta di credervi, ma in cuor suo sa che il destino dell'"amatissima patria" è segnato. Attraverso i suoi dispacci - per la prima volta pubblicati - seguiamo di giorno in giorno la progressiva distruzione dello Stato veneziano, dalle rivoluzioni organizzate dai Francesi nelle maggiori città di Terraferma sino all'attacco finale contro la stessa Venezia. Querini si batte sino all'ultimo con tutti i mezzi a sua disposizione, sino a quando, nel maggio del 1797, riceve dal governo francese il perentorio invito a lasciare Parigi. I suoi dispacci forniscono un quadro vivace, illuminante, talvolta commovente di quelle drammatiche vicende, che condussero alla fine dell'antica e civilissima Repubblica di Venezia. Per saperne di più
  2. ISABELLA TEOTOCHI ALBRIZZI

    ISABELLA TEOTOCHI ALBRIZZI

    € 28,50

    Prefazione di Alvise Zorzi Isabella Teotochi Albrizzi - la "Temira" cantata dal Pindemonte, la Laura della prima stesura dell'Ortis di Foscolo - fu una delle donne più ricche di brio e più ammirate della sua epoca. Il Cesarotti, il Canova, il Byron e l'Alfieri furono tra i più assidui frequentatori del salotto veneziano e della sua villa sul Terraglio di questa donna che univa bellezza, fascino, cultura e spregiudicatezza. Se la letteratura italiana la ricorda come autrice di vari scritti - Opere di scultura e di plastica di Antonio Canova, Vita di Vittoria Colonna, Prose Varie e i Ritratti - molti degli aspetti della sua vita erano ancora sconosciuti. Questo libro, senza alcuna pretesa di completezza, ripercorre le varie vicende della sua vita e dei suoi amori, offrendo al lettore uno squarcio sulla vita dell'aristocratica veneziana - e italiana - tra Settecento e Ottocento, e sull'ambiente culturale che stava generando il romanticismo e la libertà individuale al di fuori dei rigidi schemi dell'ancien régime. La poco valorizzata storia della "Madame de Staël italiana" e della splendida villa sul Terraglio è qui raccontata con un ricco apparato iconografico frutto di una ricerca decennale. La bella corfiota che conquista Venezia e porta il suo salotto tra i più ambìti dell'Europa, diventa amica dei maggiori intellettuali del tempo: lo Chateaubriand, il Sismondi, il Vivant Denon - il padre del Louvre - , lo Scott, il Mustoxidi, molti dei quali soggiornarono in liasons sentimentali nella sua villa, che fu poi dei Franchetti. Con una Guida alla visita della villa Albrizzi e del parco. Per saperne di più

2 Articolo(i)

per pagina

Lista  Griglia 

Imposta ordine ascendente
'); }); var count = 0; function onloadCallback() { jQuery('.g-recaptcha-form button,input[type="button"],input[type="submit"]').each(function() { count++; var object = jQuery(this); var currentId = "newsletter"+"-"+count.toString(); object.attr("id", currentId); grecaptcha.render(object.attr("id"), { "sitekey" : "6LeOhk0UAAAAACEU8fhHgz-hYMIP_7URjM_FLuPq", "callback" : function(token) { object.parents('form').find(".g-recaptcha").val(token); object.parents('form').submit(); } }); }); }