Il tuo Carrello è vuoto.

Skip to Main Content »

Promo Diari e Memorie della Grande Guerra

Articoli da 1 a 6 di 38 totali

per pagina
Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5

Lista  Griglia 

Imposta ordine ascendente
  1. Nunzio Coppola - UN PROFESSORE AL FRONTE

    UN PROFESSORE AL FRONTE

    € 14,80

    La battaglia di Castagnevizza ricostuita per la prima volta nei particolari. L’esperienza di guerra e di prigionia del professore di Pomigliano d’Arco che insegnò a scrivere ad Elsa Morante. Per saperne di più
  2. Tivadar Soros - BALLO IN MASCHERA A BUDAPEST

    BALLO IN MASCHERA A BUDAPEST

    € 18,00

    Ballo in maschera a Budapest descrive le traversie di una gran parte del popolo ebraico, durante dieci mesi di occupazione nazista dell’ungheria. Il vecchio Soros, con l’intelligenza e l’astuzia affinate nel periodo trascorso in Siberia, riesce a salvare i suoi cari ma anche centinaia di altre famiglie ebraiche con soluzioni rocambolesce che tengono il lettore con il fiato sospeso sino all’ultima riga. Per saperne di più
  3. LE MIE MEMORIE

    LE MIE MEMORIE

    € 14,00

    Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile. E’ questa la vasta mappa della lunga storia raccontata con una straordinaria e commovente genuinità da Carlo Spagnul nato nel 1891da genitori emigrati in Brasile per lavorare in un’azienda di coltivazione del caffè, e rientrato nel paese di origine, allora in territorio austriaco, nel 1908. Qualche anno di scuola a Gorizia, ed eccolo arruolato nel 1912 nell’esercito austriaco. Allo scoppio della Grande guerra viene mandato al fronte sui Carpazi e combatte nel mitico 97° reggimento, definito bonariamente in una canzone “demoghèla” (una specie di “diamocela a gambe”), composto per lo più da friulani, giuliani e dalmati, che viene letteralmente decimato. Spagnul capisce che la guerra non fa per lui, getta il fucile e si consegna, come oltre un milione di suoi commilitoni, ai russi. Inizia così il suo peregrinare attraverso la Russia prima e la Cina dove dovrà arruolarsi nella Regia Marina Italiana per poter riprendere la strada verso casa. Passeranno nove anni prima che, imbarcato sul piroscafo Nippon, attraverso il canale di Suez ritorni in Friuli. Le traversie che narra con passione e l’umanità e che si snodano per un periodo di sessant’anni, ne rivelano l’animo gentile, il disprezzo per la violenza, ma anche il senso del dovere e il rispetto per le culture che incontra nel lungo e tormentato cammino. La narrazione scorre veloce come nella migliore tradizione diaristica. Il soldato Spagnul combatte una singolare guerra nella Guerra contro gli insetti - cimici, pulci, zanzare -, che non gli danno pace ovunque si trovi, in Brasile come in estremo Oriente. Incontra però uomini e storie che descrive con piglio da romanziere. La sua odissea è speciale perché non è narrata da un ufficiale, come accadeva in quel periodo, ma da un contadino che vede e registra con occhi particolarmente acuti un mondo, anzi, un continente, di cui ci mostra uno straordinario spaccato. Foto d’epoca e dettagliate piantine geografiche completano il racconto a cui fa seguito l’elenco degli abitanti di Aiello del Friuli e di Joannis arruolati nell’esercito austro-ungarico e nella Marina da guerra. Per saperne di più
  4. DA  VENEZIA  A ... VENEZIA

    DA VENEZIA A ... VENEZIA

    € 18,00

    La narrazione delle avventure di guerra dell’allora giovane ufficiale Giulio Bazini sono tra le più avvincenti della diaristica italiana della Grande guerra per la chiarezza dell’esposizione e l’appassionata descrizione del contesto nel quale si svolsero. Con puntigliosità da cronista l’autore ripercorre la storia della sua esperienza sui campi di battaglia, la quotidianità della vita in comune, le grandi e piccole tragedie che hanno segnato la sua esperienza di uomo e soldato. Il volume si divide in due parti principali: quella relativa alle operazioni di guerra a cui prese parte e quella riguardante la sua prigionia Infine sono riportati con accurati dettagli e specifiche piantine che consentono ancora oggi di percorrerli, gli imperdibili itinerari storico-escursionistici compiuti dell’autore nelle doline del Carso di Comeno, a Parmesan (Pasubio) e nel Col della Beretta (Monte Grappa). Per saperne di più
  5. DUE ANNI DI GUERRA - Augusto Soramel

    DUE ANNI DI GUERRA

    € 14,00

    Il diario di guerra di Augusto Soramel, scritto a caldo subito dopo il congedo per invalidità a seguito del ferimento durante l’undicesima battaglia dell’Isonzo, si inserisce nel filone molto vasto di fonti memorialistiche sulla Grande Guerra. Dagli anni Ottanta del Novecento fino ad oggi, si è assistito a una continua proliferazione di pubblicazioni, studi settoriali,approfondimenti - anche molto interessanti-, su uniformi, armi e tecniche belliche,soprattutto grazie al contributo di numerosi appassionati. La presenza di tanti autori, spesso interessati agli aspetti più localistici del conflitto italo-austriaco, pone una sfida allo storico di mestiere che deve rispondere creativamente e intelligentemente. Deve cioè cogliere l’opportunità di integrare gli importanti filoni della ricerca storica sulla Grande Guerra con le conoscenze dei cultori della materia, deve individuare quegli aspetti che lo possano aiutare a parlare con cognizione di causa a proposito della guerra, dell’impostazione tattico-strategica delle operazioni militari e degli strumenti bellici utilizzati, nonché della geografia e topografia delle battaglie. Per saperne di più
  6. ROBINSON IN SIBERIA

    ROBINSON IN SIBERIA

    € 14,00

    È soprattutto una storia d’avventura di un ragazzo idealista e testardo, che attraversa la Siberia nel 1918. La storia ha inizio in un campo di prigionia all’estremo margine della Russia orientale. Per l’autore la meta è l’Europa, e qualsiasi mezzo per raggiungerla è buono. Il primo passo è la fuga dal campo; poi un viaggio con la Transiberiana che in due settimane porta gli evasi - l’autore e i suoi compagni - da Khabarovsk (a nord di Vladivostok) fino alla regione, solitaria e remota, dei monti a nord dell’Amur. Da qui bisogna proseguire a piedi; e i viaggiatori, dopo aver scavalcato passi e percorso valli, aggiungono infine il fiume Vitim che scorre in direzione dell’Artico. Lo percorrono navigando su zattere e finalmente, sfidando correnti e cascate, arrivano al mondo cosiddetto civile. Per saperne di più

Articoli da 1 a 6 di 38 totali

per pagina
Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5

Lista  Griglia 

Imposta ordine ascendente