LA MOBILITAZIONE FEMMINILE NELLA GRANDE GUERRA - Vol.3

La Croce Rossa inglese e americana, nei lavori militari maestre, ribelli, madrine, dottoresse, attrici e spie

Paolo Gaspari

ISBN
9788875417734
Prezzo speciale 23,28 € Prezzo predefinito 24,50 €
Disponibile

La mobilitazione della società civile durante la Grande Guerra fu essenzialmente mobilitazione delle donne.
Rappresentò la più grande prova di partecipazione popolare e coesione civile superata dagli italiani nella loro storia. In quella guerra vinsero infatti i popoli che riuscirono a essere più coesi e partecipi delle imprese dei soldati al fronte.

La popolazione italiana, ultima arrivata tra le democrazie europee, diede prova di una capacità operativa che molto spesso supplì alle carenze organizzative dello Stato, ad esempio nella tutela e assistenza dei minori e nei cibi caldi sulla linea del fuoco. Le donne uscirono dalle case e dai ruoli domestici ed entrarono in massa nella vita economica e sociale. Il protagonismo femminile ebbe un’accelerazione e una diffusione che pervase tutte le classi sociali del Nord come del Sud.

Non solo madrine di guerra e intellettuali appartenenti alle élites, ma anche donne della piccola borghesia e delle classi popolari: maestre, madri di famiglia per l’assistenza ai figli dei richiamati, donne reclutate per i lavori militari al fronte o nelle città nei laboratori di recupero tessuti, nell’Opera scaldarancio, lana, tutela delle minorenni, ecc., e poi le attrici, le spie, le dottoresse.
Una storia che mancava nella storiografia della guerra che, tra l’altro, fu vissuta come la conclusione dell’unità d’Italia.

Cm 21 x 26, pp. 114, ill. BN
Maggiori Informazioni
Autore Paolo Gaspari
Sottotitolo La Croce Rossa inglese e americana, nei lavori militari maestre, ribelli, madrine, dottoresse, attrici e spie
ISBN 9788875417734
Anno di edizione 2022
Colore Naturale
Scrivi la tua recensione
Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi o crea un account