FASCISMO E MUSICA

Le “Celebrazioni della Sardegna” del 1937. Gli esordi

Myriam Quaquero

ISBN
9788875418090
18,00 €
Disponibile

L’obiettivo essenziale della politica culturale del fascismo è stato quello di disciplinare tutte le manifestazioni, più che quello di costruire un’autentica “arte di Stato”.

Ne consegue che – soprattutto negli Anni Venti – gli artisti possono anche non aderire ideologicamente al fascismo, purché ne siano politicamente assoggettati: se in Italia non si realizza un modello culturale come quello totalitario della Germania nazista è anche grazie all’autonomia del mondo artistico dalle ingerenze politiche.

Myriam Quaquero si è laureata in Filosofia a Cagliari e al DAMS di Bologna. Ha studiato Composizione con Franco Oppo, diplomandosi sotto la guida di Azio Corghi. Compositrice, negli anni Ottanta è stata cofondatrice dell’Associazione Spaziomusica. È stata titolare della Cattedra di Storia ed Estetica Musicale presso il Conservatorio di Cagliari, svolge attualmente attività musicologica ed è giornalista pubblicista.
Per l’Associazione Ricercare Musica ha scritto I Rachele, una famiglia per la musica (1999-2000) e La Cappella Civica di Cagliari (2002). Per l’Editore Carlo Delfino ha pubblicato Nicolò Oneto (2000), Ennio Porrino (2010) e ha seguito la riedizione del Diorama della Musica in Sardegna (2003). Per l’Editore Delfino è anche la curatrice del progetto Musiche e Musicisti in Sardegna, nell’ambito del quale ha dato alle stampe con Antonio Ligios il volume Cappelle, teatri e istituzioni musicali tra Sette e Ottocento e sta per pubblicare Il Novecento e l’età contemporanea.

pp. 206, copertina con alette, formato 10 x 16,5
Maggiori Informazioni
Autore Myriam Quaquero
Sottotitolo Le “Celebrazioni della Sardegna” del 1937. Gli esordi
ISBN 9788875418090
Anno di edizione 2021
Colore Naturale
Scrivi la tua recensione
Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi o crea un account