Il tuo Carrello è vuoto.

Skip to Main Content »

Ville, castelli e territorio

Articoli da 1 a 6 di 27 totali

per pagina
Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5

Lista  Griglia 

Imposta ordine ascendente
  1. Ciccinella Kechler - C'ERA UNA VOLTA IN FRIULI

    C'ERA UNA VOLTA IN FRIULI

    € 18,00

    Due famiglie d’impronta internazionale fra metà Ottocento e metà Novecento: le ricette di casa del “Quaderno Nero” accompagnano il racconto aneddotico di un secolo d’imprenditoria pionieristica nell’industria, nell’agricoltura, nel turismo del Nord-Est.

    Pasteur ed Hemingway, altezze reali ed esploratori, psichiatri e campioni d’equitazione popolano il racconto.

    Per saperne di più
  2. ANDAR PER CASTELLI IN FRIULI 20 itinerari e percorsi in bici - Manuele Vidi

    ANDAR PER CASTELLI IN FRIULI

    Prezzo di listino: € 14,50

    Prezzo speciale: € 13,77

    Una guida storico-escursionistica agile e pratica per poter visitare il territorio friulano sui pedali di una bicicletta o a piedi.

    L’apparato fotografico e le informazioni storiche dei luoghi descritti rappresentano uno strumento formidabile per muoversi con cognizione di causa sia per chi in queste terre ci vive, che per chi le visita per la prima volta. In essa vengono proposti venti itinerari ognuno con la sua mappa, i tempi di percorrenza, i livelli di difficoltà e diverse informazioni utili che consentono di scoprire i castelli, i borghi medioevali, le ville e i luoghi meno noti del Friuli.

    Per saperne di più
  3. Paolo Medeossi - UDINE 8 1/2

    UDINE 8 1/2

    € 14,50

    Conoscete Udine? Sapete inventarla giorno dopo giorno?

    Ecco otto itinerari (proprio rari) per passeg- giare tra argomenti come arte, amore, vita udinese, educazione, osterie, borghi popolari, fotografia, letteratura, poesia, palazzi...

    Vi accompagnano otto personaggi che emergono dal passato per narrare la loro città. Sono: Giambattista Tiepolo, Giacomo Casanova, Renzo Valente, Caterina Percoto, Alessandro Ivanov, Tina Modotti, Nadia Pauluzzo, Alessandro del Torso.

    Tutto comincia all’alba (il momento della chiarezza) dalla fontana di Giardin Grande. E poi ci sono ancora le periferie, la città dei bambini e quella dove ogni nodo si scioglie. Mercatovecchio? C’è sicuramente, con il suo eterno enigma.

    Per saperne di più
  4. Romano Vecchiet, Sara Palluello - UN GIOIELLO SUI BINARI

    UN GIOIELLO SUI BINARI

    € 22,00

    La “Pedemontana del Friuli”, ovvero la linea ferroviaria Sacile-Gemona, è una delle più belle ferrovie italiane non solo per i paesaggi, ma per il fascino delle sue stazioni, dei ponti, viadotti, trincee, rilevati e gallerie. La sua storia è significativa delle esigenze prima commerciali, e poi strategico-militari tra Otto e Novecento. Con l’estate del 2012 la vita di questa strada ferrata sembrò definitivamente arrestarsi: una piccola frana ne compromise l’esercizio e il traffico venne sospeso. Cinque anni di mobilitazioni e “battaglie”, a tutti i livelli, resero possibile la riapertura della linea, oggi tra le dieci linee ferroviarie di eccellenza storico-turistica in Italia e con un numero di viaggiatori in costante crescita. Questo libro ne ricostruisce la storia con un completo apparato fotografico e con documenti inediti. Per saperne di più
  5. LE FONTI MISTERIOSE DI VITRUVIO - Luciano Cecconello

    LE FONTI MISTERIOSE DI VITRUVIO

    € 18,50

    La centuriazione romana era molto più di una regolazione del territorio. Una diversa lettura di Vitruvio ha permesso sia l’individuazione delle sorgenti, sia il calcolo delle distanze tra gli insediamenti. Il caso del Friuli e di Tricesimo in particolare consente al lettore di conoscere delle connessioni inaspettate per la conoscenza del territorio. Per saperne di più
  6. Gabriele Carlo Chiopris - IL BOSC DAL DIAUL - IL BOSCO DEL DIAVOLO

    IL BOSC DAL DIAUL - IL BOSCO DEL DIAVOLO

    € 19,00

    Le foreste vetuste, o foreste vergini secondarie, rappresentano realtà rare e uniche. L’assenza per un periodo prolungato di attività umane, consente alle dinamiche forestali naturali di esprimersi al meglio, dando luogo a cenosi strutturalmente complesse e ricche di biodiversità. Finché l’uomo manipola le comunità forestali direttamente (con la selvicoltura) o indirettamente (con il pascolo) incide sui processi naturali, come la nascita, la crescita, la competizione e la morte, generando ecosistemi più semplificati in composizione, struttura e funzionalità. L’assenza di disturbi, invece, consente alle foreste di ritrovare, lentamente, la loro condizione naturale e la loro stupefacente bellezza, rendendole luoghi importanti di studio delle dinamiche evolutive, di richiamo turistico, di pace e benessere. Le foreste vetuste rappresentano, quindi, un elemento chiave delle strategie di conservazione della biodiversità. Esse costituiscono il paragone per valutare l’impatto delle attività selvicolturali sugli ecosistemi forestali e, quindi, la loro sostenibilità, nonché il modello di riferimento da seguire nei progetti di rinaturalizzazione di foreste antropizzate. Le foto di Gabriele Carlo Chiopris e l’intervento del prof. Roberto Del Favero esaltano tutti questi aspetti, facendo di questa pubblicazione un evento tutto speciale, dando riconoscimento all’Amministrazione Comunale di Ampezzo che ha saputo preservare alcuni lembi di bosco alla libera evoluzione, sospendendo i tagli per decenni e consegnando oggi preziosi luoghi di naturalità assoluta. Per saperne di più

Articoli da 1 a 6 di 27 totali

per pagina
Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5

Lista  Griglia 

Imposta ordine ascendente