Il tuo Carrello è vuoto.

Skip to Main Content »

Studi

CERM - Studi

Articoli da 1 a 6 di 16 totali

per pagina
Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3

Lista  Griglia 

Imposta ordine ascendente
  1. STUDI 16: LA RAFFIGURAZIONE DELLA SIRENA - Tiziana Polo

    STUDI 16: LA RAFFIGURAZIONE DELLA SIRENA

    € 35,00

    L’immagine della sirena, simbolo di tentazione peccaminosa e al tempo stesso emblema fantastico della femminilità, è tra le più frequenti nell’arte e scultura dell’età romanica. Il libro espone in maniera esaustiva le testimonianze italiane e offre così uno screening largo e prezioso delle presenze dell’arte romanica nel nostro paese. Per saperne di più
  2. STUDI 15: NOTAI, CANCELLIERI E CETO POLITICO NELL’ITALIA NORD-ORIENTALE FRA DUE E QUATTROCENTO - Michele Zacchigna

    STUDI 15: NOTAI, CANCELLIERI E CETO POLITICO NELL’ITALIA NORD-ORIENTALE FRA DUE E QUATTROCENTO

    € 20,00

    Il volume raccoglie integralmente il libro che quindici anni or sono Michele Zacchigna, uno dei migliori conoscitori della storia medievale del Friuli e del Patriarcato di Aquileia, dedicò a un notaio udinese del primo Quattrocento. La particolarità di questa figura di estrazione artigiana, cioè popolare, consiste nel fatto di avere accompagnato la propria attività professionale di notaio con una scrittura di carattere autobiografico e familiare, intersecata con ricordi e giudizi intorno alle drammatiche vicende udinesi nella fase di passaggio dalla sovranità dei patriarchi aquileiesi al dominio della Repubblica di Venezia. Michele Zacchigna estese la vicenda del notaio Quirino a quella del figlio e del nipote, quest’ultimo ingloriosa- mente condannato come falsario. Anche attraverso questo non lieto fine Zacchigna ricostruiva elementi importanti della tecnica notarile, raccordandoli a tutta una serie di situazioni professionali e sociali del Friuli tardomedievale. Accanto allo studio sul notaio Quirino, ai suoi successori e al suo ambiente sono riproposti qui altri due lavori, più brevi, di ambito triestino. I protagonisti sono i cancellieri del Comune: élite politica, culturale e sociale della quale Zacchigna ricostruisce la formazione e l’evoluzione su un lungo arco di tempo. I tre lavori costituiscono nel loro insieme tutta una pagina di storia culturale e sociale del tardo medioevo. Una introduzione di Paolo Cammarosano inquadra questi lavori del suo compianto allievo e amico in una problematica storiografica oggi molto vivace. Per saperne di più
  3. STUDI 14: LA TUSCIA PONTIFICIA NEL MEDIOEVO - Alfio Cortonesi, Angela Laconelli

    STUDI 14: LA TUSCIA PONTIFICIA NEL MEDIOEVO

    € 30,00

    I saggi raccolti dagli autori in questo volume interessano la storia medievale della Tuscia pontificia, espressione con cui si ha riferimento in questa sede ai territori dell’alto Lazio sottoposti alla dominazione temporale dei papi ed organizzati, con altri, a partire dal Duecento, nella provincia pontificia del Patrimonio di S. Pietro in Tuscia.

    Il libro è articolato in due distinte sezioni. Nella prima, dedicata a “Politica, am- ministrazione e territorio”, si affronta la questione dei rapporti fra autorità papale e forme di governo locale fra Due e Quattrocento, con speciale attenzione per la genesi della città di Viterbo, le sue istituzioni comunali, l’assetto finanziario delle comunità. La seconda sezione verte su “Agricoltura, paesaggi e lavoro” e ospita una serie di saggi dedicati ai settori di maggiore evidenza dell’economia agro- pastorale della Tuscia (cerealicoltura, viticoltura, allevamento), alle risorse del territorio e all’organizzazione del lavoro. Soprattutto i contributi riuniti in questa seconda parte sono frutto della nuova temperie storiografica che, a muovere dagli anni ’70 del secolo scorso, intervenne a caratterizzare per larga parte gli studi me- dievistici nel nostro Paese, introducendo nel campo d’osservazione dello storico settori di indagine in precedenza poco frequentati.

    Per saperne di più
  4. STUDI 13: STORIA DI COLLE DI VAL D’ELSA NEL MEDIOEVO - Vol3/2 - Paolo Cammarosano

    STUDI 13: STORIA DI COLLE DI VAL D’ELSA NEL MEDIOEVO - Vol3/2

    € 35,00

    Il terzo volume della storia di Colle di Val d’Elsa nel medioevo prosegue con questa Seconda Parte, imperniata sul governo signorile esercitato dall’arciprete Albizzo Tancredi dal 1322, anno in cui egli divenne Capitano del Popolo, al 1331, anno nel quale venne rovesciato e assassinato. Il libro offre così un contributo al problema storico delle esperienze “tiranniche” nei Comuni italiani, che oggi suscita grande interesse e dibattito. La vicenda politica è letta in continua e stretta connessione con la storia della società colligiana, delle sue componenti ricche e politicamente influenti come della maggioranza esclusa dal potere. Gli anni della “tirannia” sono anche quelli che videro una intensa attività economica interna, con scambi veloci di beni e di denari, documentati da un registro notarile che viene qui analizzato e in parte edito, e la prima affermazione dell’Arte della Lana, della quale si pubblicano la prima matricola e il primo Statuto. Tanto le vicende che portarono all’avvento signorile del nobile arciprete quanto quelle del day after della sua caduta illustrano dall’interno una struttura di dominio solida, fondata sull’accorto equilibrio tra il banale perseguimento di interessi minuti e personali e la capacità di costruire una compagine di governo assai stabile, che era ancora politicamente autonoma nonostante la crescente egemonia del Comune di Firenze. Tra le fonti principali della ricostruzione che viene qui proposta sono i registri delle delibere dei Consigli comunali, dei quali una silloge di atti è pubblicata. Per saperne di più
  5. STUDI 12: LE SUBORDINAZIONI DELLE CITTÀ COMUNALI A POTERI MAGGIORI IN ITALIA DAGLI INIZI DEL SECOLO XIV ALL’ANCIEN RÉGIME - Miriam Davide (a cura di)

    STUDI 12: LE SUBORDINAZIONI DELLE CITTÀ COMUNALI A POTERI MAGGIORI IN ITALIA DAGLI INIZI DEL SECOLO XIV ALL’ANCIEN RÉGIME

    € 34,00

    Il volume riunisce i contributi raccolti intorno al progetto FRA dell’Università degli studi di Trieste “Le subordinazioni delle città comunali a poteri maggiori in Italia dagli inizi del secolo XIV all’ancien régime”, coordinato da Giuseppe Trebbi. L’obiettivo che ci si è proposti è stato quello di mettere in luce gli atteggiamenti dei differenti ceti cittadini e territoriali di fronte ai problemi scaturiti dall’inserimento, all’interno degli Stati “moderni” o rinascimentali, di realtà connotate da forte fisionomia autonomistica, come le città comunali italiane; e di individuare per quali vie e secondo quali strategie avvenne la costruzione dei rapporti tra dominante e dominati, in un arco di tempo che va dalle prime dedizioni o sottomissioni trecentesche fino ai secoli in cui tale dominio non fu più messo in discussione. Grazie ai contributi di diversi studiosi, è stato possibile estendere lo studio e la comparazione a varie parti della penisola, prendendo in considerazione, accanto gli Stati regionali fondati da città dominanti e da signori, lo Stato pontificio e la monarchia aragonese. Vengono altresì considerate diverse tipologie di città: città dominanti, come Firenze; città elevate a seconda capitale di una signoria, come Pavia; città importanti dello Stato pontificio, come Bologna e Ancona (e capitali successivamente declassate a città suddite, come Ferrara e Urbino); ma anche città di più modeste dimensioni, intorno ai 10.000 abitanti, come furono tra la fine del medioevo e l’inizio dell’età moderna Sassari, Udine o Trieste; ed infine comunità più modeste, ma dotate di una loro vivace esistenza politico-amministrativa, come Tolmezzo nella Patria del Friuli. Per saperne di più
  6. STUDI 11: I MONACI BIANCHI IN GALIZIA. LE RETI CISTERCENSI (1142-1250) - Francesco Renzi

    STUDI 11: I MONACI BIANCHI IN GALIZIA. LE RETI CISTERCENSI (1142-1250)

    € 34,00

    È esistito un modello cistercense? La domanda posta dall’a. nelle conclusioni può essere considerata come il vero e proprio filo conduttore di questo libro incentrato sullo studio della presenza cistercense in Galizia a cavallo tra XII e XIII secolo. Attraverso l’analisi dettagliata delle fonti edite e inedite di otto monasteri cistercensi galiziani e avvalendosi della storiografia internazionale più recente, l’a. esplora l’esperienza dei monaci bianchi nel nord-ovest della penisola iberica, un’area che spesso appare periferica agli occhi dell’osservatore contemporaneo ma che in realtà fu al centro dei cambiamenti politici che interessarono la penisola iberica settentrionale nei secoli centrali del Medioevo e fu caratterizzata dall’altissima concorrenza tra i poteri: dai re di León-Castiglia e di León a quelli del Portogallo, dagli arcivescovi di Compostela a quelli di Braga, dalle grandi e piccole famiglie aristocratiche alle città. Dallo studio delle relazioni dei cistercensi con questi “attori” del territorio, emerge un quadro frammentato, variegato e per certi aspetti inedito rispetto alla visione “unitaria” dell’Ordine cistercense avanzata in molti casi dalla storiografia e dagli stessi monaci bianchi nei loro testi normativi e letterari a partire dal XII secolo. Per saperne di più

Articoli da 1 a 6 di 16 totali

per pagina
Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3

Lista  Griglia 

Imposta ordine ascendente