Il tuo Carrello è vuoto.

Skip to Main Content »

Il CERM (Centro Europeo di Ricerche Medievali) è una struttura integrata di promozione della ricerca, organizzazione di incontri scientifici e pubblicazione dei risultati (nelle collane Studi e Atti). L’ambito cronologico è il medioevo in tutta la sua estensione, l’area è l’intera Europa: sia con indagini molto localizzate, sia con studi su altre parti d’Italia e d’Europa. La tematica comprende la storia sociale, culturale, economica e politica, e in una collana (Strumenti) sono offerti materiali di natura didascalica e di interesse generale (geografia storica, metodi di edizione, strumenti informatici).

Articoli da 13 a 18 di 30 totali

per pagina
Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5

Lista  Griglia 

Imposta ordine ascendente
  1. ATTI 07: LA SARDEGNA NEL MEDITERRANEO TARDOMEDIEVALE - Pinuccia F. Simbula e Alessandro Soddu (a cura di)

    ATTI 07: LA SARDEGNA NEL MEDITERRANEO TARDOMEDIEVALE

    € 35,00

    Il volume presenta una parte dei risultati del convegno tenutosi a Sassari nel dicembre 2012 dedicato alla Sardegna nel tardo medioevo, all’interno del più vasto panorama mediterraneo. Una riflessione sulle dinamiche politiche, sociali ed economiche isolane tra XIII e XV secolo, alla luce di riletture storiografiche e nuove fonti. Sono secoli che condensano molte svolte politiche, stratificazioni istituzionali e forme di governo, che innestandosi o in parte convivendo con l’impianto giudicale, si amalgamano, si fondono, si rielaborano. Come scrive Paolo Cammarosano nelle Conclusioni, si tratta di «una fase della storia dell’isola che la vide oramai investita, ampiamente e da tempo, dalla pressione conquistatrice, e in parte colonizzatrice, delle potenze cittadine, signorili, principesche e regie del Mediterraneo. Già la molteplicità delle figure istituzionali e sociali di questi “aggressori” implica una complessità. Ma, soprattutto, la loro successione di potere nelle varie aree dell’isola non assunse mai il carattere di un azzeramento definitivo delle istituzioni precedenti, e si ebbero quasi in ogni periodo e quasi in ogni ambito territoriale persistenze e resistenze, sovrapposizioni, ritorni, variegate dialettiche». Per saperne di più
  2. STUDI 10: SCULTURA E PITTURA DEL MEDIOEVO A TREVISO - Vol.1 - Guido Tigler

    STUDI 10: SCULTURA E PITTURA DEL MEDIOEVO A TREVISO - Vol.1

    € 40,00

    Il primo dei due volumi sulle arti figurative del Medioevo a Treviso esamina la negletta scultura architettonica, formata prevalentemente da frammenti erratici di arredi liturgici, ponendosi come limiti cronologici i tempi del vescovo Felice, che nel 569 risparmiò alla città sul Sile la distruzione da parte del Longobardi, e la conclusione del cantiere romanico del Duomo, attestata dall’iscrizione con la data 1141 del mosaico pavimentale in gran parte perduto. Per saperne di più
  3. ATTI 05: LA CORRISPONDENZA EPISTOLARE IN ITALIA. 1 SECOLI XII-XV - Miriam Davide (a cura di)

    ATTI 05: LA CORRISPONDENZA EPISTOLARE IN ITALIA. 1 SECOLI XII-XV

    € 29,00

    Il volume raccoglie gli atti del convegno “La corrispondenza epistolare in Italia. Secoli XII-XV” “Les correspondances en Italie. XIIe-XVe siècle” organizzato dal CERM e dall’École française de Rome a Trieste il 28-29 maggio 2010. Tra il XII e il XV secolo si affermarono tutte le modalità della scrittura epistolare, che trovarono una loro forma standardizzata nelle cancellerie quattrocentesche. Armand Jamme prende in esame un segmento importante della produzione epistolare di matrice papale soffermandosi sulla poco copiosa produzione del vicario generale dovuta alla struttura stessa del ruolo politico.

    La ricchezza delle fonti epistolari prodotte e ricevute dalle comunità cittadine del Patriarcato di Aquileia è stata oggetto di tre contributi: Marialuisa Bottazzi ha preso in esame le raccolte di lettere custodite a Cividale del Friuli, Miriam Davide ha analizzato il patrimonio epistolare di Gemona del Friuli e Massimo Sbarbaro ha, infine, prodotto un testo sull’informatizzazione del materiale epistolare. I testi, che rimandano ad una produzione epistolare soprattutto di natura amministrativa, corrente e diplomatica, presentano appendici documentarie corredate da apparati fotografici. Maria Grazia Nico propone, infine, una disamina della produzione epistolare al femminile con una rassegna storiografica dei lavori prodotti negli ultimi anni.

    Per saperne di più
  4. ATTI 06: LA CORRISPONDENZA EPISTOLARE IN ITALIA. 2 FORME, STILI E FUNZIONI DELLA SCRITTURA EPISTOLARE NELLE CANCELLERIE ITALIANE (SECOLI V-XV) - Paolo Cammarosano e Stéphane Gioanni (a cura di)

    ATTI 06: LA CORRISPONDENZA EPISTOLARE IN ITALIA. 2 FORME, STILI E FUNZIONI DELLA SCRITTURA EPISTOLARE NELLE CANCELLERIE ITALIANE (SECOLI V-XV)

    € 34,00

    Ce volume rassemble la plupart des contributions de la seconde rencontre du programme La Corrispondenza epistolare in Italia qui a pour ambition d’étudier l’originalité et l’intérêt des sources épistolaires pour l’histoire politique de l’Italie médiévale. Ce colloque, organisé à Rome les 20 et 21 juin 2011, se pro- posait de réfléchir en particulier sur les pratiques et les fonctions de l’écrit épistolaire dans les chancelle- ries italiennes. En se focalisant sur les formes de l’épistolographie officielle, son objectif était de proposer une approche interdisciplinaire des épîtres de chancellerie, qui accorde une place importante à l’analyse historiographique et envisage le Moyen Âge sur la longue durée, des chancelleries romano-barbares à la Renaissance. Cet élargissement dans le temps offre un observatoire idéal pour replacer l’entretien épistolaire dans la pratique diplomatique et examiner, dans une approche à la fois institutionnelle, sociale et stylistique, l’originalité des lettres de chancellerie du Ve au XVe siècle. Le cadre géographique de la réflexion constitue également un champ de recherche privilégié dans la mesure où la Péninsule italienne se trouve au centre d’un processus sans cesse réélaboré d’innovation, de production, de transmission et de conservation qui exerça une influence considérable sur l’ensemble des chancelleries européennes et qui permet d’affirmer l’historicité de la rhétorique diplomatique de l’Europe médiévale. Per saperne di più
  5. ATTI 04: LA CONDIZIONE GIURIDICA DELLE DONNE NEL MEDIOEVO - Miriam Davide (a cura di)

    ATTI 04: LA CONDIZIONE GIURIDICA DELLE DONNE NEL MEDIOEVO

    € 18,00

    Il volume raccoglie gli atti di un seminario organizzato dalla Scuola Dottorale in Scienze Umanistiche di Trieste in collaborazione con il CERM. Gli argomenti sono le possibilità di iniziativa praticabili dalle donne nel campo del divorzio nella tarda antichità e nel medioevo, con il venir meno della facoltà di iniziativa unilaterale della donna; il concetto di legge di natura, che era incluso nella giurisprudenza romana, ma che era piuttosto raro nelle leggi altomedievali; la condizione giuridica e i diritti patrimoniali delle donne nella Bergamo di metà Trecento; la permanenza in Friuli e Veneto degli assegni di origine germanica, la morgengabe e la desmontadura, fra tardo medioevo e prima età moderna; gli aspetti pubblicistici della condizione femminile in un trattato del giurista Rolando da Lucca tra fine XII secolo e inizio XIII. Per saperne di più
  6. STUDI 09: STORIA DI COLLE DI VAL D’ELSA NEL MEDIOEVO - Vol.3/1 - Paolo Cammarosano

    STUDI 09: STORIA DI COLLE DI VAL D’ELSA NEL MEDIOEVO - Vol.3/1

    € 32,00

    Il terzo volume della storia di Colle di Val d’Elsa nel medioevo si apre con questa Prima Parte che abbraccia il periodo che vide il proseguire di un conflitto guelfo-ghibellino drammatizzato dalle vicende di Firenze, lacerata da ondate di divisioni interne, e da un quadro italiano ed europeo mutante e imprevedibile: la sede papale traslata in terra di Francia, il conflitto per la corona di Sicilia, gli orientamenti cangianti della politica dei papi, l’avvento di Enrico VII e la sua discesa in Italia. Entro questo scenario la comunità di Colle continuò a perseguire la politica di alleanza guelfa e di solidarietà con Firenze. Ma continuò anche a difendere una propria autonomia politica e a cercare di disinnescare la convivenza interna da quei grandi conflitti. Per saperne di più

Articoli da 13 a 18 di 30 totali

per pagina
Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5

Lista  Griglia 

Imposta ordine ascendente